giovannamelandri

Archive for ottobre 2011|Monthly archive page

Roma, cartelloni pubblicitari ledono la città ed i suoi monumenti

In Senza categoria on ottobre 30, 2011 at 12:25 am

Un’interrogazione a risposta scritta e’ stata presentata dalla deputata del Pd Giovanna Melandri al ministro dei Beni culturali, Giancarlo Galan sulla questione dei cartelloni pubblicitari a Roma. ”Negli ultimi anni -scrive Melandri- nella citta’ di Roma, il settore delle affissioni e degli impianti pubblicitari ha visto l’esplodere di un grave fenomeno consistente nella esponenziale moltiplicazione su tutto il territorio cittadino di numerosissimi nuovi impianti pubblicitari di ogni foggia e dimensione”.

Un problema questo recentemente sollevato nella Capitale dal ‘Comitato Basta Cartelloni’, che ha ideato una campagna con delle cartoline inviate alle principali istituzioni del Paese, della quale hanno riferito i principali organi di stampa. Il ‘Comitato’ inoltre attraverso il sito (www.bastacartelloni.blogspot.com), denuncia quelle che definisce ”situazioni di inquinamento visivo da cartelloni non piu’ tollerabili”.

Nell’interrogazione Melandri sottolinea che i cartelloni pubblicitari ”vengono spesso collocati in luoghi e situazioni tali da ledere in maniera significativa all’immagine ed alla visione della citta’ e dei suoi monumenti, inquinando gravemente il paesaggio urbano e compromettendo il decoro di Roma”

Roma, 29 ott. – Adnkronos

 

Corriere della Sera Roma – Giovedì 27 Ottobre 2011

In Senza categoria on ottobre 27, 2011 at 12:13 pm

Parità Camera su Malgara è sconfitta, Galan tenga conto di responso Commissione

In Senza categoria on ottobre 26, 2011 at 9:41 am

La commissione Cultura della Camera ha respinto la nomina di Giulio Malgara alla Presidenza della Biennale di Venezia. Il pareggio nella votazione di oggi è l`inequivocabile segnale che la candidatura di Malgara non ha ottenuto il consenso necessario per raggiungere la maggioranza dei membri della Commissione. Mi auguro, alla luce di questo risultato, che il Ministro Galan voglia tenere in considerazione il responso della Commissione, che è un fatto nuovo ed inedito, e vada alla ricerca, sin da subito, di una soluzione più condivisa, accogliendo le istanze sollevate in questi giorni dalle istituzioni locali. Anche perché il pareggio in Commissione non può che essere considerato una sconfitta per la maggioranza.

Giovanna Melandri

Biennale di Venezia, sbagliata accelerazione voto su Malgara senza ascoltare istituzioni locali

In Senza categoria on ottobre 25, 2011 at 11:33 am

“Crediamo sia un grave errore la scelta di accelerare il voto parlamentare sulla candidatura di Giulio Malgara alla Presidenza della Biennale di Venezia”. Lo affermano i parlamentari del Pd Giovanna Melandri e Luigi Zanda, per i quali “e’ inaccettabile, infatti, che il Parlamento si pronunci senza aver ascoltato le istanze delle istituzioni locali”. “Il sindaco di Venezia, che siede nel Cda della Biennale rivestendo la carica di vice-presidente dell’istituzione culturale, ha in piu’ occasioni lamentato l’assenza di coinvolgimento del Comune da parte del Ministero dei Beni Culturali sulla designazione del nuovo presidente della Biennale e ha chiesto di essere ascoltato dalle competenti Commissioni di Camera e Senato. “Davanti a questo pessimo esempio di ‘autismo istituzionale’ da parte di Berlusconi e Galan, ci auguriamo che le forze di maggioranza in Parlamento non cerchino il colpo di mano, e, al contrario, si lavori per restituire voce alle istituzioni locali. In tempi di federalismo -concludono Melandri e Zanda- negare al sindaco di Venezia di far sentire la sua voce in Parlamento e’ un vero e proprio sfregio istituzionale”.

Giovanna MelandriLuigi Zanda (Partito Democratico)

Ministeri al nord, finita bolla di sapone leghista

In Senza categoria on ottobre 19, 2011 at 2:33 pm

 

Per immaginare che la vicenda dei ministeri al nord finisse nell’ennesima bolla di sapone non bisognava di certo essere un chiromante per prevederne l’esito scontato.

Ma accanto al lato folkloristico, che dimostra come la Lega sia sempre piu’ in crisi proprio perche’ alla spasmodica ricerca di simboli utili a marcare gli angusti confini della sua ‘piccola patria’, c’e’ l’inaccettabile sperpero di risorse in uno dei momenti piu’ difficili per la finanza pubblica e per il Paese.

A questo punto, non resta ai Ministri padani che mettere mano al portafoglio e pagarsi gli uffici di segreteria di tasca propria, piuttosto che metterli in carico ai gia’ provati cittadini italiani.

Giovanna Melandri

Intervista LaStampa – 15 Ottobre 2011

In Senza categoria on ottobre 19, 2011 at 11:03 am

Maggioranza definitivamente implosa

In Senza categoria on ottobre 11, 2011 at 5:27 pm

Quanto accaduto oggi pomeriggio alla Camera dimostra, senza alcun dubbio, che la maggioranza è definitivamente implosa. Prigioniero delle forze che dovrebbero in teoria sostenerlo, Berlusconi e’ costretto a presentarsi in aula, come un semplice peone, per limitare le assenze della sua rabberciata coalizione.

Di norma quanto un ente non e’ in grado di approvare il proprio rendiconto, viene commissariato, con l’esito del voto odierno la maggioranza e’, di fatto, entrata in ‘amministrazione provvisoria’. Non sara’ certo un voto di fiducia riparatore, suggerito da alcuni esponenti del PDL, a restituire la credibilita’ al Governo Berlusconi.

Giovanna Melandri

Berlusconi accetti di aver fallito e lasci spazio ad un nuovo Governo istituzionale

In Senza categoria on ottobre 10, 2011 at 5:35 pm

Su una cosa si puo’ concordare con gli esponenti del PdL e cioe’ quando dicono che la crisi non e’ solo italiana, ma europea. Peccato, pero’, che poi si dimentichino di aggiungere che nella crisi europea, se gli altri paesi tremano l’Italia sta andando a fondo, a causa di un governo ormai definitivamente bruciato che gli altri Paesi dell’Unione sono costretti un giorno a bacchettare e l’altro ad ignorare. Ne sono una prova inconfutabile il richiamo al rispetto dei nostri impegni che la Merkel ci ha fatto appena ieri e l’immagine della nuova guida a due franco-tedesca che per colpa di Berlusconi umilia l’intera nostra storia europeista. Tra una festa a casa di Putin ed un ritocchino alla legge bavaglio ancora stiamo attendendo un segnale deciso del Governo che rimetta anche il nostro Paese sul binario europeo. Berlusconi accetti di aver fallito su tutta la linea e lasci spazio ad un Governo istituzionale che ridia credibilita’ e speranza al Paese e restituisca all’Italia l’orgoglio di tornare ad essere avanguardia europeista in Europa.

Giovanna Melandri

Forza gnocca? Berlusconi ormai è il capocomico del Bagaglino

In Senza categoria on ottobre 6, 2011 at 10:47 pm

Evidentemente la notizia della chiusura del Bagaglino, deve aver profondamente colpito il nostro Premier, che, con la battuta del partito della gnocca, ha cercato di rievocarne i fasti. Purtroppo pero’, ancora una volta, la volgarita’ del Premier riempira’ le pagine dei quotidiani stranieri, esponendoci al consueto dileggio globale. Come sempre, usciranno i pompieri di turno a gettare acqua sull’ennesima scempiaggine di un uomo che, da tempo, ha perduto ogni contatto con la realta’. Speriamo solo, che il Bagaglino riapra presto, cosi’ Berlusconi potra’ dismettere i panni di Presidente del Consiglio e vestire quelli a lui piu’ consoni di capocomico.

Giovanna Melandri

Su ex Cinema Palazzo Comune di Roma ascolti le istanze del territorio

In Senza categoria on ottobre 4, 2011 at 1:19 pm

La vicenda dell’ex Cinema Palazzo dovrebbe spingere l’amministrazione comunale ad un’attenta riflessione sulle possibili soluzioni. In primo luogo, con tutta sincerita’, non credo che inserire all’interno di un territorio, come San Lorenzo, un casino’ sotto mentite spoglie, sia un’idea brillante. Al contrario, se andiamo ad analizzare il quadro emerso ieri durante l’audizione del prefetto Pecoraro in Commissione Antimafia sulla preoccupante penetrazione di capitali mafiosi a Roma, non puo’ che crescere l’allarme su di un progetto che rischia di acuire i gia’ noti problemi di sicurezza e legalita’ del quartiere di San Lorenzo.

Del resto, sono i numerosi sequestri di immobili dell’ultimo periodo a dimostrare la gravita’ della situazione romana.

Da questo punto di vista, piuttosto che ricorrere allo sgombero, sarebbe opportuno che l’amministrazione comunale si apra all’ascolto delle giuste istanze portate dal territorio, sulla necessita’ di trasformare il progetto originale in uno spazio votato ad ospitare le esperienze culturali ed aggregative di San Lorenzo. Su questo tema annuncio che depositero’ a breve un’interrogazione per far luce sulla vicenda del casino’.

Giovanna Melandri