giovannamelandri

Archive for giugno 2011|Monthly archive page

MINISTERI; PIUTTOSTO CHE LE SEDI, CAMBIAMONE GLI INQUILINI

In Senza categoria on giugno 20, 2011 at 2:38 pm

Se la situazione in cui versa il Paese non fosse così grave, ci sarebbe da ridere davanti all’ennesima commedia dei Pupi in cui Lega e Pdl se le danno di santa ragione. Quello che gli italiani hanno chiesto con chiarezza alle ultime elezioni amministrative ed al referendum non è certo il cambio delle sedi dei Ministeri, piuttosto quello dei loro inquilini. Per quanto i dirigenti della Lega si affannino per tamponare la frattura che si è ormai consumata tra loro ed il loro elettorato, il legittimo bisogno di efficienza, di innovazione, di modernizzazione ed anche di semplificazione burocratica che i cittadini del nord esprimono da tempo non è stato raccolto dalla Lega in questi anni di consociativismo berlusconiano. La vitalità che le regioni del nord hanno dimostrato è ben lontana dall’immagine grottesca del macismo padano. Gli italiani del nord, come quelli del centro e del sud hanno bisogno di proposte concrete e realiste per affrontare un momento difficile per tutti. Serve un cambio radicale di rotta della politica e non il semplice trasloco delle scrivanie di qualche Ministro.

Giovanna Melandri

 

Una politica senza padri? – Dibattito Festa Democratica di Roma

In Senza categoria on giugno 16, 2011 at 11:01 am

Venerdì 1 Luglio 2011 alle ore 21 presso la Festa Democratica di Roma Giovanna Melandri (Deputato PD), Massimo Recalcati (autore “Cosa resta del padre?) e Johnny Dotti (Presidente di Welfare Italia Servizi) animeranno un dibattito dal titolo “Una politica senza padri?”

 

Raccolta firme contro la chiusura di Bibli

In Senza categoria on giugno 15, 2011 at 9:11 am

Il 30 giugno la libreria Bibli di Roma è costretta a lasciare la sua sede storica di Via dei Fienaroli: il prezzo degli affitti è ormai troppo alto e il prezzo dei libri troppo poco regolamentato perché una libreria indipendente possa andare avanti da sola nel centro storico. Ma faremo di tutto perché possa riaffiorare altrove, con un vestito nuovo e nuove idee. Per oltre vent’anni, quasi ogni giorno, Bibli ha accolto persone, musiche e storie, incrociando sguardi verso l’esterno e verso l’interno. Non si condivide tanta bellezza e vitalità senza un debito di gratitudine, enorme, verso chi l’ha portata.

RACCOLTA DI FIRME CONTRO LA CHIUSURA DI BIBLI

Il 30 giugno il Centro Culturale Libreria Bibli chiuderà. I dipendenti della libreria di Trastevere hanno promosso una raccolta di firme, non chiedendo concessioni o privilegi ma solidarietà e adesione alla battaglia per salvare un presidio culturale fondamentale per il quartiere e per l’intera città di Roma. L’appello può essere sottoscritto personalmente in libreria, al cinema Nuovo Sacher di Nanni Moretti o allo stand di Bibli al Festival Letterature di Massenzio.

In alternativa è possibile mandare la propria firma all’indirizzo email info@bibli.it (con oggetto “firma per bibli”).

La raccolta di firme ha già registrato più di mille adesioni via email e altrettante apposte personalmente dagli interessati. L’appello è stato fatto proprio anche da intellettuali, scrittori, editori, politici, musicisti, librerie, tra i quali Nanni Moretti, Giovanna Melandri, Umberto Croppi, Sandra Petrignani, Melissa P, Aldo Nove, Maya Sansa, Manni Editore, Fermenti Editrice, la libreria Croce, Libriebar Pallotta, il 28DiVino Jazz & Bar, Guido Stabile, Davide Venticinque, Volfango De Biasi, Francesco Trento, Teresa Ciabatti e molti altri… Io ho firmato, firmate anche voi! Giovanna Melandri

 

Presentazione libro “Leadershit” di Andrea Vitullo

In Senza categoria on giugno 9, 2011 at 9:34 am

Referendum, noi abbiamo le idee chiare

In Senza categoria on giugno 4, 2011 at 11:04 am

Martedì 7 Giugno, Testaccio (Roma)

In Senza categoria on giugno 2, 2011 at 12:02 pm

Referendum: continua settimana di passione per la maggioranza

In Senza categoria on giugno 1, 2011 at 2:22 pm

Deve essere davvero una settimana di passione per il Premier e la sua rabberciata maggioranza. Dopo il sonoro ceffone con cui i cittadini hanno punito la tracotanza di Berlusconi alle recenti amministrative, arriva il pronunciamento della Cassazione sul referendum. Nonostante il goffo tentativo del Governo di far saltare il quesito sul nucleare ed allontanare così il raggiungimento del quorum, gli italiani potranno, il 12 ed il 13 giugno prossimi, esprimersi sui referendum. A questo punto, anche su acqua, nucleare e legittimo impedimento, ci auguriamo che gli italiani, seguendo le indicazioni del Presidente del Consiglio, lascino nuovamente  il cervello a casa.

Giovanna Melandri

 

Mercoledì 8 Giugno, Galliate

In Senza categoria on giugno 1, 2011 at 1:47 pm