giovannamelandri

Archive for dicembre 2010|Monthly archive page

PADOA-SCHIOPPA: MELANDRI, UN PRIVILEGIO AVERLO CONOSCIUTO

In Senza categoria on dicembre 19, 2010 at 5:28 pm

ROMA, 19 DIC – ‘Sono profondamente addolorata per la scomparsa di Tommaso Padoa-Schioppa. Fu tra coloro che vollero fortemente costruire l’euro, uno dei padri della Comunita’ Europea. Aver condiviso con lui la, seppur breve, esperienza nel Governo Prodi stato un autentico privilegio. Ai famigliari le mie piu’ sentite condoglianze’. Lo afferma in una nota l’ex ministro Giovanna Melandri.

Annunci

Da Bondi caduta di stile

In Senza categoria on dicembre 17, 2010 at 3:02 pm

”Caro Ministro visto che ancora unavolta cerchi di nascondere i tuoi insuccessi tirando in ballo eventi che mi riguardano direttamente, non posso far altro cherisponderti. Paragonare la tua assenza alla prima della Scala,dovuta al terrore dell’ennesima contestazione, con la mia,decisione legata alla recente maternita’, e’ una grossolanacaduta di stile. I doveri di madre e le difficolta’ adallontanarsi per molte ore dal proprio bambino nei primi mesidell’allattamento sono chiari a tutti, tranne a chi per motividi lotta politica si rifiuta di vederli”. E’ quanto afferma laparlamentare del Pd Giovanni Melandri. che replica cosi’ aSandro Bondi.  ‘Il tema, caro Ministro – aggiunge la Melandri –  e’ un altro.Sono sotto gli occhi di tutti due anni di ”non-politiche” perla cultura, ed i gravi effetti che stanno producendo sulpatrimonio e sulla produzione culturale italiana. E’ per questoche chiediamo le tue dimissioni, per il fallimento di unapolitica, ci dispiace cogliere nelle tue parole un vittimismopersonale che continuamente sposta l’oggetto delle nostrepuntuali critiche”.

PROPOSTA DI LEGGE d’iniziativa del deputato MELANDRI Istituzione dell’insegnamento dell’«introduzione alle religioni» nella scuola secondaria di primo grado e nella scuola secondaria superiore

In Senza categoria on dicembre 8, 2010 at 9:13 am

Onorevoli Colleghi! — L’appartenenza religiosa torna ad essere uno dei componenti essenziali dell’identità degli uomini e delle donne del nostro tempo. Chi fino a pochi anni fa teorizzava la «morte di Dio» come corollario naturale della modernità e del progresso ha dovuto constatare quanto il senso del sacro sia centrale nella vita delle persone, finendo per condizionare ancora in modo massiccio la vita di intere comunità. A tutto questo il processo di globalizzazione ha dato un volto nuovo. Non solo, infatti, nel confronto con «l’altro» molti hanno riscoperto la propria tradizione religiosa, ma quotidianamente facciamo esperienza di come le culture siano intrise di aspetti provenienti dalla religione e quanto, dunque, non possa esserci una vera integrazione tra culture se non imparando a conoscerci ed a dialogare, partendo dalla consapevolezza di punti di vista confessionali differenti. I veri protagonisti della modernità sono le nuove generazioni, nate e cresciute in uno spazio multiculturale ed interconfessionale. È necessario, dunque, ripensare il nostro sistema scolastico e formativo, perché possa fornire ai cittadini del domani gli strumenti essenziali per conoscere e rispettare le differenti fedi di coloro che vivranno al loro fianco. Da anni si discute della possibilità di introdurre nella scuola una disciplina che, integrandosi con le altre, accompagni gli studenti nell’acquisizione dell’importanza che il fenomeno religioso ha avuto e tutt’ora ha nella storia dell’uomo. Oggi quest’esigenza non è più soltanto un’esigenza culturale, ma si presenta come un’esigenza di civiltà e come uno strumento Pag. 2 essenziale per prevenire forme di intolleranza, di fondamentalismo e di xenofobia. La presente proposta di legge, dunque, non vuole sostituire, né sovrapporsi alle altre discipline già presenti nell’ordinamento scolastico (ivi compreso l’insegnamento della religione cattolica, previsto dall’articolo 9 dell’accordo del 1984, che ha modificato il concordato lateranense del 1929, ratificato ai sensi della legge n. 121 del 1985), ma vuole introdurre una materia che studi il fenomeno religioso come elemento dell’animo e della cultura umana. Crediamo che la scoperta della dimensione trascendente e di come l’uomo di ogni tempo viva questa esperienza sia un elemento fondamentale nella crescita di ogni persona, in modo tale da poter essere accompagnata nella formazione di una coscienza critica e serena. Le modalità, i docenti incaricati e la relativa classe di concorso che dovrà selezionarli dovranno garantire un approccio quanto più possibile scientifico e non dogmatico al tema. Nei programmi dovranno essere affrontati gli aspetti della sociologia della religione che inquadrano il fenomeno, i fondamenti teologico-culturali delle grandi tradizioni religiose e le principali questioni di interazione con la contemporaneità. Fondamentale sarà consentire l’acquisizione degli strumenti minimi per la comprensione storico-culturale e la conoscenza, sia pur elementare, dei testi religiosi fondamentali. Particolare (ma non esclusiva) attenzione dovrà essere riservata alle tradizioni religiose monoteiste ed in particolare alle vicende che queste hanno avuto nella storia euro-mediterranea. È fondamentale, però, che adeguato spazio sia riservato anche alle tradizioni religiose orientali. Non solo per dare agli studenti la possibilità di coglierne la ricchezza spirituale ed artistica, ma anche come risposta di civiltà al crescente e diversificato fenomeno migratorio. Porre un bambino nato in Italia da una famiglia cinese, bengalese o iraniana nella condizione di trovare, tra gli altri argomenti trattati nella scuola pubblica, anche la tradizione religiosa a cui magari si ispira la sua famiglia sarà un ottimo strumento di prevenzione del senso di esclusione e di emarginazione culturale e sociale delle nuove generazioni. È importante ribadire lo spirito non confessionale della materia e, considerando la natura assai sensibile delle coscienze dei giovani studenti, nonché la centralità ed il diritto/dovere dei genitori nell’educazione religiosa dei figli, è ipotizzabile la possibilità di prevedere forme di incompatibilità tra i docenti chiamati ad assumere l’incarico con funzioni da questi svolte nelle eventuali rispettive organizzazioni confessionali. L’incompatibilità potrà essere solo temporanea e relativa al periodo corrispondente all’incarico. D’altro canto, ampio spazio dovrà essere lasciato all’autonomia didattica nel senso di consentire e favorire la conoscenza e l’interazione con le realtà confessionali storicamente o socialmente più rilevanti nei differenti territori. Il ciclo dovrà essere organizzato tenendo conto della differente età degli studenti consentendo loro un approccio diversamente critico a seconda dell’età.

PROPOSTA DI LEGGE

Art. 1.

1. L’insegnamento dell’«introduzione alle religioni» è inserito come materia di studio obbligatoria nella scuola secondaria di primo grado e nella scuola secondaria superiore.

2. Per l’insegnamento di cui al comma 1 è istituita una nuova classe di concorso denominata «introduzione alle religioni».

3. Sono abilitati all’insegnamento di cui al comma 1 i laureati in discipline umanistiche assunti in seguito a concorso pubblico ai sensi della normativa vigente in materia.

4. L’orario di cattedra dell’insegnamento di cui al comma 1 è articolato su nove ore complessive settimanali, suddivise in un’ora di insegnamento per ogni classe.

Art. 2.

1. I programmi didattici dell’insegnamento di cui all’articolo 1 sono stabiliti da un’apposita commissione, istituita con decreto del Ministro dell’istruzione, dell’università e della ricerca, e assicurano la trattazione delle seguenti tematiche: a) l’analisi del fenomeno religioso quale fenomeno trasversale all’esperienza umana e alle culture; b) le caratteristiche e l’evoluzione delle grandi tradizioni religiose, in particolare induismo, buddismo, ebraismo, cristianesimo, islam, e l’apporto dei relativi testi sacri e delle tradizioni alla cultura e all’identità dei popoli; c) la storia delle tre religioni monoteiste nei loro aspetti più rilevanti.

2. Particolare attenzione è riservata alla storia del cristianesimo.  I docenti abilitati all’insegnamento ai sensi dell’articolo 1 si attivano al fine di costruire idonei percorsi interdisciplinari e di incentivare i rapporti con le varie organizzazioni locali, nazionali e internazionali espressive delle differenti realtà confessionali.

Art. 3.

1. All’onere derivante dall’attuazione della presente legge si provvede mediante corrispondente riduzione dello stanziamento iscritto, ai fini del bilancio triennale 2010-2012, nell’ambito del fondo speciale di parte corrente dello stato di previsione dei Ministero dell’economia e delle finanze per l’anno 2010, allo scopo parzialmente utilizzando l’accantonamento relativo al Ministero dell’istruzione, dell’università e della ricerca.

2. Il Ministro dell’economia e delle finanze è autorizzato ad apportare, con propri decreti, le occorrenti variazioni di bilancio.

SCUOLA: MELANDRI PRESENTA PDL BIPARTISAN PER ‘INTRODUZIONE A RELIGIONI’ =

In Senza categoria on dicembre 2, 2010 at 5:17 pm

”Alle 14.30, nella sala stampa dellaCamera, Giovanna Melandri (Pd), insieme ai colleghi deputatiTouadi (Pd), Sarubbi (Pd) e Frassinetti (Pdl), ha presentatoun progetto di legge, gia’ sottoscritto da 22 deputati dientrambi gli schieramenti, che si propone di arricchirel’offerta didattica della scuola pubblica italiana con”L’introduzione alle religioni””. Lo rende noto uncomunicato stampa.   ”Una nuova materia che – ha spiegato Melandri – senzavolere minimamente intaccare la funzione ed il ruoloriconosciuto all’insegnamento della religione cattolica dalledisposizioni concordatarie, vuole colmare la lacunaattualmente presente nella scuola, circa la conoscenza dellegrandi esperienze religiose di tutto il mondo. Cio’consentira’, a partire, dall’approccio ai testi diriferimento, di cominciare a dotare gli studenti di queglistrumenti culturali idonei a comprendere la pluralita’ checaratterizza la societa’ di oggi. Il senso del sacro,infatti, e’ ancora centrale nella vita delle persone econdiziona la vita di intere comunita’. Pensiamo, ad esempio,alle nuove generazioni nate e cresciute in uno spaziomulticulturale e interconfessionale. In questo senso, credosia necessario introdurre all’interno del mondo della scuolauna disciplina che accompagni gli studenti nell’acquisizionedell’importanza che ha avuto e che tuttora ha il fenomenoreligioso. Vorrei prendere alpresupposto per conoscere il modo, senza conoscere lereligioni, sara’ impossibile tenere insieme l’Italia deldonami”.   ”Uno strumento essenziale – ha spiegato Touadi – percrescere e per decifrare la multiculturalita’ checaratterizza il nostro tempo”. er redigere questo testo sonostate consultate molto rappresentanze confessionali sia alivello giovanile che ”adulto”. Tra gli altri, sono statipresenti alla conferenza stampa il Pastore Massimo Aquilante,Presidente della Federazione delle Chiese EvangelicheItaliane, il Dr. Di Casto, rappresentante dell’Unione delleComunita’ Ebraiche Italiane, il Dr. Ferri, membro dell’Unionedegli Atei e degli Agnostici e Razionalisti, ed il Dr.Paolantoni, segretario generale dell’ Unione delle Comunita’e Organizzazioni Islamiche in Italia.

BENI CULTURALI: MELANDRI, GASPARRI PARLA DI COSE DI CUI E’ ALL’OSCURO

In Senza categoria on dicembre 2, 2010 at 3:51 pm

”Gasparri, come di consueto, dimostradi parlare di cose di cui e’ completamente all’oscuro.Durante il periodo in cui ebbi l’enorme privilegio dirivestire l’incarico di Ministro per i Beni e le Attivita’Culturali, il bilancio del MIBAC raggiunse il suo massimostorico”.   Ad affermarlo e’ lex ministro dei Beni Culturali GiovannaMelandro (Pd) che aggiunge: ”La Domus Aurea, a cui siriferisce il Senatore Gasparri, venne aperta al pubblicoproprio in quegli anni. E ricordo che tra il 1996 e il 2001furono restaurati e valorizzati molti luoghi straordinaridella cultura italiana. Penso alla Galleria Borghese, alleScuderie del Quirinale, alla Villa dei Quintili, a PalazzoMassimo, alla Cripta Balbi, ed altri ancora in tutta Italia.Cosi’ come fu avviato il grande cantiere che ha consentito direalizzare Maxxi. Purtroppo, dall’arrivo dei vari Governi dicentrodestra, il Ministero e’ divenuto una sorta di bancomata cui attingere per fare cassa, penso, ad esempio, al FondoUnico per lo Spettacolo praticamente dimezzato con l’ultimafinanziaria. Si tratta di una diminuzione costante, esoprattutto innegabile, delle risorse destinate allepolitiche culturali”.    ”Il ministro Bondi -conclude Melandri-, sara’ pure unbrava persona come dice Gasparri, non ha, pero’, impedito cheil sacco del nostro patrimonio culturale fosse portato avanticon maggior ingordigia dal Governo Berlusconi”.