giovannamelandri

CALCIO: MELANDRI, SENZA MINISTERO SPORT PASSO INDIETRO

In Senza categoria on luglio 16, 2010 at 12:40 pm

– ”Credo che in questi due anni ci sia stato nel nostro Paese un arretramento nelle politiche sportive, a partire dal fatto che questo Governo ha deciso di cancellare l’istituzione del Ministero dello sport, l’unica innovazione istituzionale che l’Italia aveva prodotto”: cosi’ l’on. Giovanna Melandri commenta, al telefono con l’ANSA, la presa di posizione della Lega di serie A nei confronti della Federcalcio, con la richiesta di un incontro al Governo per rivedere le leggi 91 e il decreto 242 del 1999. ”Eravamo l’unico paese in Europa a non averlo – ha aggiunto riferendosi al dicastero dello Sport – e siamo tornati ad essere l’unico paese a non avere una funzione di indirizzo nazionale per le politiche sportive. Il che – sottolinea la Melandri – nulla toglie all’autonomia dello sport, del Coni e delle federazioni. In questo paese e’ necessario come in in tutta Europa stabilire degli indirizzi, degli obiettivi e delle strategie, a partire dalle priorita’ cominciando a dire che bisogna investire sui vivai sulla scuola, cose che da tanti anni si dicono e che poi non si realizzano”. Per la Melandri ”l’assenza del ministero dello sport ha anche indebolito il ruolo dell’Italia in Europa nella definizione delle politiche europee che oggi sono tanto importanti. Credo – evidenzia – che fuori dalle facili polemiche e dalla demagogia un tema importante e’ quello del ‘salary cap’ che non e’ l’invettiva come Calderoli ha fatto verso i calciatori italiani ma e’ l’idea che l’Italia possa adottare regole come il basket in America che siano tali che ci sia un limite, non all’ingaggio del singolo calciatore ma alla quota di bilancio che ogni societa’ puo’ destinare agli ingaggi. Per avere un profilo di questo tipo c’e’ bisogno di una politica dello sport che e’ stata azzerata con l’azzeramento del Ministero dello Sport”. Parlando poi della limitazione del numero degli extracomunitari decisa dalla Figc che ha provocato la reazione della Lega di serie A, la Melandri ha aggiunto: ”In un momento di obiettiva fatica per il calcio nazionale ritengo che le istituzioni preposte al rilancio del nostro movimento dovrebbero partire semmai dagli investimenti sui vivai, sui giovani i piuttosto che dall’idea di mettere la limitazione del numero degli extracomunitari”. Secondo la Melandri, ”non si risolve il problema del calcio italiano limitando ad uno o due il numero degli extracomunitari, quanto piuttosto facendo un grande investimento sui giovani, sui vivai del nostro paese”.

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: